top of page
© Copyright

Farmacia l'annullamento dell'autorizzazione


Sovente si sente che l'amministrazione abbia annullato d'ufficio l'autorizzazione della farmacia immessa a concorso a causa di false rappresentazioni di fatti o dichiarazioni mendaci da parte dei vincitori del concorso farmacie.


La norma di riferimento è l'articolo 21 novies della legge 241 del 1990 secondo il comma 2 bis

I provvedimenti amministrativi conseguiti sulla base di false rappresentazioni dei fatti o di dichiarazioni sostitutive di certificazione e dell'atto di notorietà false o mendaci per effetto di condotte costituenti reato, accertate con sentenza passata in giudicato, possono essere annullati dall'amministrazione anche dopo la scadenza del termine di ((dodici)) mesi di cui al comma 1, fatta salva l'applicazione delle sanzioni penali nonché delle sanzioni previste dal capo VI del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445.


Si tratta di

false rappresentazioni dei fatti o a dichiarazioni sostitutive false.
Farmacia l'annullamento dell'autorizzazione


La ratio dell’illustrato comma 2-bis, infatti, risiede nell’esigenza che il dies a quo di decorrenza del termine per l’esercizio dell’autotutela debba essere individuato nel “momento della scoperta, da parte dell’amministrazione, dei fatti e delle circostanze posti a fondamento dell’atto di ritiro” (cfr. Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato, n. 8 del 17 ottobre 2017, riferita peraltro al concetto di termine “ragionevole”, in quanto involgente una fattispecie concreta venuta in essere prima della c.d. riforma Madia).


Farmacia l'annullamento dell'autorizzazione

La “scopertasopravvenuta all’adozione del provvedimento di primo grado deve tradursi in una impossibilità di conoscere fatti e circostanze rilevanti imputabile al soggetto che ha beneficiato del rilascio del titolo edilizio, non potendo la negligenza dell’Amministrazione procedente tradursi in un vantaggio per la stessa, che potrebbe continuamente differire il termine di decorrenza dell’esercizio del potere.



Farmacia l'annullamento dell'autorizzazione


In sostanza, il differimento del termine iniziale per l’esercizio dell’autotutela deve essere determinato dall’impossibilità per l’Amministrazione, a causa del comportamento dell’istante, di svolgere un compiuto accertamento sulla spettanza del bene della vita nell’ambito della fase istruttoria del procedimento di primo grado. CdS 1926/2024


Cosa fare avverso tali atti?

È ammesso il ricorso al Tar previa valutazione dei motivi di ricorso e della tempistica dell'atto adottato dall'amministrazione.


Hai un quesito? Leggi il blog o contattaci


Avv Aldo Lucarelli

45 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments