top of page

Farmacie, la successione nel tempo delle piante organiche, profili operativi.


Ci è stato chiesto di chiarire cosa accade nel caso in cui un Comune provvede ad una serie di modifiche della pianta organica comunale delle farmacie, e queste siano di scarso valore, non mutando né il numero né sostanzialmente la conformazione territoriale.

Il quesito nasce dal fatto che accade spesso che le amministrazioni una volta individuata una nuova sede territoriale, ad esempio come accaduto in occasione del concorso del 2012, abbiano poi rimandato a future revisioni la corretta delimitazione, vuoi per motivi tecnici, vuoi per motivi politici.

E' il caso delle zone delimitate solo graficamente ma non le strade, oppure graficamente ma senza civici. Ecco quindi che ci si trova dinanzi a modifiche territoriali a step, ovvero a fasi, in cui da una iniziale zona individuata per il concorso sia demandata a distanza di 4/6 anni ad altre delibere l'effettiva pianificazione territoriale.

In tali casi quale è l'atto lesivo degli interessi dei farmacisti già presenti sul territorio?

Per rispondere è necessario precisare che è necessario impugnare sicuramente la delibera che concludendo il procedimento ordinario di revisione della pianta organica delle farmacie comunali da effettuarsi ogni due anni sulla base della popolazione residente al termine di ogni anno pari (ai sensi dell'art. 2 L. n. 475/1968 come introdotto dall'art. 11, comma 1, D.l. n. 1/2012), assume necessariamente valenza di “conferma” e non di atto meramente confermativo.

Ecco quindi che a livello amministrativo, tale atto sarà da impugnare ove abbia i caratteri di conferma.

Come si distingue un atto di conferma da un atto meramente confermativo?

come insegna consolidata giurisprudenza


Allo scopo di stabilire se un atto amministrativo sia meramente confermativo (e perciò non impugnabile) o di conferma in senso proprio (e quindi autonomamente lesivo e da impugnarsi nei termini), occorre verificare se l'atto successivo sia stato adottato o meno senza una nuova istruttoria e una nuova ponderazione degli interessi.

In particolare, non può considerarsi meramente confermativo rispetto ad un atto precedente l'atto la cui adozione sia stata preceduta da un riesame della situazione che aveva condotto al precedente provvedimento, giacché solo l'esperimento di un ulteriore adempimento istruttorio, sia pure mediante la rivalutazione degli interessi in gioco e un nuovo esame degli elementi di fatto e di diritto che caratterizzano la fattispecie considerata, può condurre a un atto propriamente confermativo in grado, come tale, di dare vita ad un provvedimento diverso dal precedente e quindi suscettibile di autonoma impugnazione. Ricorre, invece, l'atto meramente confermativo quando l'Amministrazione si limita a dichiarare l'esistenza di un suo precedente provvedimento senza compiere alcuna nuova istruttoria e senza una nuova motivazione” (cfr. TAR Milano, sez. II, 9 maggio 2022; Cons. Stato sez. IV, 3 giugno n. 4237).





Ecco quindi che nel caso in esame, rileva proprio il fatto che la revisione ordinaria della pianta organica delle farmacie Comunali, pur non riscontrando mutamenti nel numero e nella ubicazione della popolazione residente, deve dare conto di un preciso ed ulteriore adempimento istruttorio, quindi di una effettiva attività innovativa compiuta dall'amministrazione comunale per essere qualificata come atto autonomamente impugnabile.

Seguici sui social e rimani aggiornato senza impegno


Atto compiuto successivamente all’adozione della prima revisione e che ha condotto l’Amministrazione ad aggiornare il quadro degli elementi di fatto caratterizzanti la fattispecie considerata.

Ma cosa accade se l'atto successivo, quindi la pianta organica sia confermativa? Cioè non innovi la situazione esistente?


Leggi anche "la Pianta Organica della Farmacia"

Allorquando l'Amministrazione, sulla scorta di un supplemento istruttorio e di una nuova motivazione, addivenga alle stesse determinazioni assunte con un atto precedente, il conseguente provvedimento ha valore di atto di conferma (e non di atto meramente confermativo), la quale (comunque) costituisce la nuova determinazione amministrativa che va a sostituirsi con autonoma efficacia lesiva a quella precedente, non più idonea a determinare il concreto assetto di interessi regolato dalla nuova valutazione dell’organo amministrativo procedente (cfr. TAR Lazio, sez. I ter, 10 novembre 2020, n. 11609, richiamata da TAR Reggio Calabria 27 aprile 2021 n. 354).


Hai un quesito? Contattaci

In conclusione quindi a nuova determinazione amministrativa sarà impugnabile, o meglio, dovrà essere impugnata, ove pur confermando la precedente, non sia meramente confermativa ma integri con attività istruttoria l'attività precedentemente posta dal Comune.


Studio Legale Angelini Luacarelli

Avv. aldo Lucarelli

15 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page