Concorso Straordinario Farmacie perché è ammessa la somma dei titoli per la graduatoria?

Aggiornamento: 30 lug


Hai un quesito, contattaci senza impegno

E' una domanda piu' volte pervenuta da parte dei Farmacisti titolari di farmacia e con decenni di attività che si sono visti scavalcare dalle Associazioni di giovani farmacisti nelle graduatorie, ormai in scadenza, del Concorso Straordinario Farmacie.

In questo articolo tratteggiamo la normativa e troviamo la spiegazione a tale fenomeno, per ora unico nel suo genere e che potrebbe essere riutilizzato in futuri concorsi, ove una legge ad hoc, lo prevede.



E quindi la pronuncia del Consiglio di Stato n. 1/2020 e Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato n. 69/2018 sono i capisaldi della giurisprudenza in tema di Concorso Straordinario Farmacie e punteggi.


Come ha avuto modo di precisare qualche mese fa il Consiglio di Stato la normativa del Concorso Straordinario Farmacie è specifica.

Ed infatti quello della specificità della normativa che regola la fattispecie è specifica e trova fondamento nell'art. 11 del D.L. 1/2012, ed è relativa all’annullamento dell’autorizzazione all’apertura della farmacia in forma associata a due farmaciste con obbligo di co-gestione per un minimo di tre anni.

La specialità è insita nella modalità, quella della sommatoria -lineare dei titoli.

Tale possibilità viene, tuttavia, subordinata dal legislatore al rispetto di taluni vincoli, che condizionano il mantenimento della titolarità della sede farmaceutica assegnata. I vincitori del concorso straordinario che hanno partecipato in gestione associata devono infatti garantire che tale forma di gestione permanga per un periodo non inferiore ai tre anni dalla data di autorizzazione all’esercizio della farmacia e che la gestione si svolga tra essi su base paritaria.

Abbiamo già visto che gestione paritetica è garantita da un particolare tipo di società, la SRL.

Nel successivo punto 23 del parere la Commissione Speciale nel 2018 ha rappresentato che in seguito alla vincita del concorso straordinario possono essere costituite società di capitali “purché sia pienamente rispettata la chiara prescrizione incentrata sulla conservazione della gestione paritaria per tre anni, da parte dei soggetti che, associandosi, hanno partecipato al concorso”.

I medesimi principi sono stati ribaditi anche dall’Adunanza Plenaria n. 1/2020 che, in particolare, ha rilevato che “la titolarità della sede, all’esito del concorso straordinario, deve essere assegnata ai farmacisti “associati” personalmente, salvo successivamente autorizzare l’apertura della farmacia e l’esercizio dell’attività in capo al soggetto giuridico (società di persone o di capitali) espressione degli stessi (…) farmacisti vincitori del concorso ed assegnatari della sede, che sarà in grado di garantire la gestione paritetica della farmacia con vincolo temporale di almeno tre anni (art. 11, comma 7, del D.L. n. 1/2012).

“I singoli farmacisti possono aspirare alla gestione associata della sede, come prevede l’art. 11, comma 7, del D.L. n. 1 del 2012, “sommando i titoli posseduti” e la loro partecipazione associata al concorso straordinario, sulla base di un accordo inteso alla futura gestione” (….) associata della sede agognata”.


L’Adunanza Plenaria ha quindi precisato, in sintesi, che “i farmacisti concorrenti per la gestione associata otterranno personalmente e pro indiviso, per così dire, la sede messa a concorso, salvo poi essere autorizzati alla titolarità dell’esercizio in una forma giuridica, tra quelle previste dall’art. 7 comma 1, della L. n. 362/1991, che consenta l’esercizio in forma collettiva dell’attività imprenditoriale e la gestione paritetica per almeno tre anni”.



Nella sentenza n. 2804/2019 il Consiglio di Stato – richiamando il parere della Commissione speciale n. 69/2018 -, ha affermato che in seguito alla vincita del concorso straordinario possono essere costituite società di capitali purchè “sia pienamente rispettata la chiara prescrizione incentrata sulla conservazione della gestione paritaria per tre anni, da parte dei soggetti che, associandosi, hanno partecipato al concorso”.

Ne consegue che, come chiaramente espresso sia dalla Commissione Speciale nel parere citato, sia dall’Adunanza Plenaria n. 1/2020 e dalla giurisprudenza la disciplina speciale relativa al concorso straordinario prevede necessariamente la gestione associata dei vincitori del concorso che hanno partecipato in associazione, cumulando i rispettivi titoli, per almeno tre anni.


Home

Se così non fosse, infatti, potrebbero verificarsi fenomeni elusivi della disciplina straordinaria che in deroga alle normali regole concorsuali, ha consentito la cumulabilità dei titoli condizionatamente, però, alla gestione congiunta e paritaria tra gli associati.


Consulta gli altri articoli


Ecco quindi il collegamento e la giustificazione del punteggio delle graduatorie della sommatoria dei titoli ammessi per l'associazione dei farmacisti, in apparente danno dei singoli farmacisti.

Sulla "scadenza delle graduatorie" leggi qui.


Studio Legale Angel ini Lucarelli

Avv. Aldo Lucarelli

21 visualizzazioni0 commenti