Farmacia: il calo demografico e topografica andranno d'accordo?


Cerchiamo di analizzare una vicenda che dopo l'exploit del concorso straordinario farmacie e l'istituzione di nuove sedi con il parametro dei 3.300 abitanti sta portando alla luce un nuovo problema, prima d'ora abbastanza impensabile.


Cosa accade se una sede di farmacia istituita con il principio topografico - quindi svincolata dal parametro demografico - sia soggetta ad una revisione della pianta organica comunale, dovuta al calo demografico?

Prima di rispondere, precisiamo i punti salienti che caratterizzano il sistema topografico, già ampiamente commentato dal sottoscritto in altre occasioni.

Sussiste infatti il criterio ordinario per l’istituzione di #nuove sedi #farmaceutiche ed è il criterio cd. #demografico di cui all’art.1 della l. n. 475 del 1968, per cui deve essere istituita una farmacia ogni 3.300 abitanti. Vi è inoltre un criterio speciale e ulteriore, il criterio cd. #topografico, che consente ai sensi dell’art. 104 del R.D. 1265 del 1934 (TULS), e in deroga al criterio cd. demografico basato sul rapporto numerico ordinario, la istituzione della #farmaciaquando particolari esigenze dell’assistenza farmaceutica in rapporto alle condizioni topografiche e di viabilità lo richiedono”, purchè vi sia “un limite di distanza per il quale la #farmacia di nuova istituzione disti almeno 3000 metri dalle farmacie esistenti anche se ubicate in comuni diversi”.


La farmacia tra sistema demografico e topografico.
Farma&Diritto


A chi compete la decisione?

“La valutazione tecnico-discrezionale dell’applicazione del criterio cd. topografico è dell'amministrazione ed è basata sull’ubicazione in rapporto alle caratteristiche proprie topografiche e viarie, tenendo conto anche delle particolari direttrici di frequenza quotidiana della popolazione e delle specifiche esigenze dell’assistenza farmaceutica locale.. in tal senso vengono superate le condizioni disagevoli di alcune zone e frazioni comunali.”


Quali sono i requisiti per applicare il criterio "Topografico"?

  1. L’autonomia della frazione ove viene istituita la nuova sede rispetto alla sede Comunale principale.

  2. La frequenza ed il tragitto dei mezzi di collegamento tra comune e frazione.

  3. il flusso demografico durante l'anno, ad esempio turistico nel periodo estivo e/o invernale.



In definitiva quindi oggi anche dopo la riforma dell'art.1 della legge n. 475 del 1968, con il conseguente abbassamento della soglia per l'apertura di una sede farmaceutica ogni 3.300 abitanti, risulta di particolare importanza nel territorio nazionale la normativa ad hoc del criterio topografico per supportare l'apertura di nuove sedi #farmaceutiche in quelle zone che rispettino i requisiti individuati dalla giurisprudenza.


La vicenda tuttavia non è conclusa in primavera vi sarà la discussione di alcuni ricorsi dinanzi al Consiglio di Stato per affrontare la vicenda tra l'istituzione avvenuta in deroga al principio demografico ed il flusso demografico in calo nei comuni interessati.

Potrà la revisione della #pianta organica #Comunale sopprimere le sedi istituite con il sistema topografico, ove siano cessate quelle condizioni che avevano reso necessaria l'istituzione?


Attendiamo sviluppi, il punto della vicenda sarà quello di comprendere quale sia l'equilibrio tra l'istituzione di una sede di farmacia avvenuta in deroga al parametro #demografico, con la riforma della pianta #organica per calo demografico.

avv. Aldo Lucarelli.


17 visualizzazioni0 commenti